LEONA DELLA BRUGHIERA COMASCA "SCHULHUND" IN GERMANIA

La nostra piccola Leona della Brughiera Comasca (Amie des Trois Petits Diables x Diego Hinter den Gärten), ribattezzata Aimee dalla sua
proprietaria Kathrin, sin da cucciola lavora come "schulhund" nella scuola elementare Uhland di Kornwestheim, vicino a Stoccarda.
Di seguito l'articolo uscito su un quotidiano del posto e relativa traduzione.

Inoltre ecco il link all'articolo uscito su un quotidiano italiano: http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/150769_cagnolina_della_val_dintelvi_maestra_in_germania/

Grazie a Kathrin per la fiducia e grazie a Leona/Aimee per la grande soddisfazione.

Un Fantastico compagno di classe
Di Birgit Kiefer

Kornwestheim: Presso la scuola Uhland, da un anno Aimee fa esperienze ‘bestiali’

La classe Seconda A, presso la scuola Uhland, si esercita in un pezzo col flauto, mentre Aimee è serenamente sdraiata sul pavimento di legno.
I bambini fanno un dettato e la giovane signora sgranocchia per tutto il tempo il suo osso, per non annoiarsi.
E mentre i bambini seduti in cerchio cantano ‘Hallo’, passeggia per la classe e lecca l’orecchio d Marcel.
Aimee è sempre insieme a loro, i bambini della classe Seconda A. Kathrin Schelling, insegnate e coordinatrice di classe, porta il cane a scuola 3 volte alla settimana: il lunedì, mercoledì e venerdì. In classe si trova anche una bella cuccia per dare alla cagnolona di 15 mesi, la possibilità di ritirarsi a riposare quando vuole. Anche se non ci va quasi mai, perché preferisce molto di più rimanere con i suoi bambini, con i quali ha trascorso l’intero anno scolastico fin da quando era appena una cucciolotta.
Infatti la Schelling l’ha presa in Italia che era ancora piccola, Aimee è metà italiana e metà tedesca. Il papà è un Hovawart tedesco mentre la mamma vive in Italia (della Brughiera Comasca ndt).
Prima che la Schelling portasse il cane in classe, ha discusso l’idea di un cane a scuola con la direzione scolastica: ‘Il rettore si è dimostrato molto aperto e amante degli animali’ dice compiaciuta.
Per quanto riguarda i bambini della seconda A, si è fatta molta attenzione al fatto che nessuno di loro fosse allergico ai cani e che nessuno bimbo avesse grande timore dell’animale. Anche tra i genitori non ci sono stati problemi.
La docile e socievole Aimee svolge anche una importante funzione sociale all’interno della classe: Schelling crede fermamente che un cane possa influenzare positivamente l’atmosfera della classe, l’apprendimento e l’umore dei bambini.
I bambini devono inoltre imparare ad essere responsabili per l’animale e a rispettare le sue necessità: ‘Ad esempio gli esseri umani si abbracciano come dimostrazione d’affetto, un cane invece di sente minacciato’ spiega l’insegnate che ci fa una dimostrazione pratica. Aimee in questo caso un po’ infastidita, fa due passi indietro.
I bambini si devono anche attenere a certe regole precise, ad esempio possono accarezzare il cane , solo quando questo si avvicina a loro. Ricorrerlo è tabu! Quando Aimee era ancora una piccola cucciolotta, due bambini a turno avevavo il compito di occuparsi di lei, ad esempio dovevano sempre assicurare ad Aimee l’acqua e accertarsi che non venisse infastidita dai bambini. Per questo i due ‘responsabili’ si sono guadagnati particolari diritti di gioco con Aimee.
Questa giovane Signora, Aimee, si è anche da subito cercata i suoi migliori amici . I due suoi primi grandi amici sono stati Banjamin e Lukas. Tuttavia i cani hanno i loro personali criteri di selezione: non fanno amicizia necessariamente con il primo della classe, il più simpatico o il più forte. Intanto però ora Aimee è diventata la grande amica di tutti i bimbi della Seconda A, da la zampa ad uno e cerca le coccole dall’altro.
Solo quando la porta della classe di apre improvvisamente, allora Aimee lancia ad alta voce un paio di: ‘Wuf Wuf!’
“Ci vuole solo proteggere”, ci dice la piccola Annik.
Il buon carattere attento di Aimee mancherà l’anno prossimo alla classe, infatti da settembre Kathrin Schelling andrà ad insegnare in prima elementare, i cui bimbi avranno il privilegio di avere un fantastico compagno di classe…

“e a noi mancherà tantissimo” dice la piccola Meriem!